Home > Punto di vista > “Punto di vista” su: apertura di una startup innovativa nell’ambito della pianificazione urbana e territoriale

“Punto di vista” su: apertura di una startup innovativa nell’ambito della pianificazione urbana e territoriale

punto di vista

Punto di vista: la nostra nuova rubrica

Con l’anno nuovo inauguriamo “Punto di vista”, una rubrica mensile che nasce con lo scopo di fornire pareri, idee e punti di vista su argomenti specifici posti a noi dai nostri lettori e spiegati con un linguaggio accessibile anche per i non addetti ai lavori.

Si tratta del nostro punto di vista e come tale suscettibile di revisione, precisazione ed approfondimento, anche attraverso il dibattito e il confronto aperto.

Il tema del mese è l’apertura di una startup innovativa nell’ambito della pianificazione urbana e territoriale.

Il quesito

Il quesito ci è stato posto da due giovani italiani che hanno studiato all’estero e vorrebbero lavorare in Italia. Di seguito una sintesi della richiesta:

Siamo due giovani (rispettivamente 27 e 32 anni) rientranti in Italia dopo aver terminato un percorso di studi magistrale all’estero.

Stiamo muovendo i primi passi per l’apertura della nostra startup innovativa che avrà lo scopo di applicare una metodologia della pianificazione nello sviluppo di piani urbani e territoriali. Si tratta di un processo collaborativo di pianificazione territoriale che applica un approccio sistemico alla creazione di scenari di sviluppo, guidato dalla conoscenza geografica del contesto e costantemente supportato da tecnologie digitali.

Vorremmo porvi qualche domanda generale sull’apertura di una startup innovativa con sede Italiana:

  1. Qual’è la tempistica media (dall’invio della documentazione, alla partita iva) per l’apertura una startup innovativa?
  2. Quali sono le agevolazioni fiscali e riguardanti la tassazione? E poi, una volta costituita la startup innovativa, quali sono gli adempimenti fiscali nel corso dell’anno (bilanci mensili ed annuale; libro fatture; ecc..)?
  3. Per chiudere o cambiare la struttura della compagnia (da startup innovativa a SRL) qual’è il procedimento, quali le tempistiche e i costi?
  4. Considerando che uno dei punti è di: “fare i propri affari e interessi in Italia o in uno degli stati dell’Unione Europea ”; cosa accade nel caso si prospetti un progetto in America, Asia, Oceania? Possiamo prendere l’incarico o incappiamo in problematiche? L’idea è di lavorare principalmente in Italia ma avere i titoli per farlo anche in ambito internazionale.
  5. Secondo punto per startup innovativa: “nei casi di nuova costituzione non potrà essere distribuito utile per i primi 3 anni”. Cosa si intende per distribuire utili? Assumere? Oppure si intende che i soci non potranno ricavare degli stipendi dalla start up? Sono 5 anni, non 3. La società, al netto dei costi deducibili, avrà un utile da assoggettare a tassazione.

Il nostro Punto di vista

Rispondiamo, in ordine, alle domande:

  1. In caso di apertura di startup innovativa con notaio la media si aggira, mediamente, sui 5/10 giorni. Utilizzando la procedura telematica per startup innovative la media è di 20/40 giorni, dal momento in cui viene inoltrata la pratica;
  2. Non esistono agevolazioni sulla tassazione: le agevolazioni fiscali riguardano gli investimenti nella startup innovativa (30% di detrazione persone fisiche e 30% deduzione società). Le imposte societarie sono del 24% (IRES) e 5% circa (IRAP);
  3. Gli adempimenti ordinari sono: Il deposito del bilancio annuale, dichiarazione dei redditi, IVA, IRAP societaria, liquidazioni IVA, Spesometro, ecc. La startup innovativa è una società di capitali o cooperativa, quindi non serve fare alcuna variazione. Quello di startup innovativa è semplicemente uno status, che ha una durata di 60 mesi se non vengono meno i requisiti societari;
  4. Non ci sono particolari problematiche in merito all’operare fuori dalla UE, ma credo sia stata fraintesa la ratio della norma: questa riguarda la sede della società, non l’operatività della stessa;
  5. Al netto della tassazione ci sarà un utile, che poi può essere distribuito tra i soci (come in tutte le società di capitali). La startup non può distribuire questi utili. I soci possono avere un proprio stipendio, come dipendente o come amministratore, in base alla loro attività.

Scriviteci a info@partitaiva.it e poneteci i vostri quesiti, i più interessanti saranno selezionati e diventeranno i prossimi temi di “Punto di vista”.

Comments

comments

You may also like
aprire una attività commerciale mantenendo il contratto
Punto di vista su: aprire una attività commerciale mantenendo il contratto di lavoro
come aprire un bar
Punto di vista su: come aprire un bar
cessione di una srl
“Punto di vista” su: cessione di una Srl
startup innovativa quali vantaggi
Startup innovativa: i vantaggi per gli imprenditori e come costituirla online

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.