Home > News > 50 milioni per le startup con Invitalia

50 milioni per le startup con Invitalia

invitalia

Invitalia potenzia la sua azione a favore delle startup italiane, annunciando lo stanziamento di un fondo di venture capital.

investment

Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, ha annunciato il lancio di un fondo di venture capital che farà entrare l’agenzia per l’attrazione degli investimenti e dello sviluppo d’impresa nel capitale di 150 startup.

Invitalia è l’agenzia governativa che promuove tanto gli investimenti stranieri, quanto la competitività dell’economia italiana investendo sulle imprese del nostro paese. Nato in seno al pacchetto legislativo Destinazione Italia e controllata dal Ministero dello Sviluppo Economico, si è finora concentrata nel reperire fondi per le piccole e medie imprese. In particolare, con Smart&Start, ha aiutato tantissime startup italiane a crescere fornendo loro i fondi di cui avevano bisogno.

L’investimento iniziale è di 50 milioni di euro, attinti dal Fondo per la Crescita Sostenibile del Ministero dello Sviluppo Economico, quindi verranno investiti in media 500 mila euro per ogni startup. Non una cifra trascurabile considerato il volume degli investimenti venture capital in Italia, sostanzialmente invariati nell’ultimo anno (3,5 miliardi) e che soprattutto hanno registrato una diminuzione delle realtà coinvolte: da 368 a 311, come riportato nella relazione annuale dalla Banca d’Italia.

Inoltre, e in controtendenza con gli altri paesi, gli investimenti in startup innovative si sono ridotte del 9% secondo gli osservatori del Politecnico di Milano

Oggi Arcuri annuncia ad Italy24 che il progetto partirà a giugno: «Investiremo in startup innovative  in cambio di equity per un periodo di 5-7 anni. Poniamo una sola condizione: dev’esserci almeno un altro investitore». Il fondo sarà chiuso (ovvero con un numero stabilito di quote non riscattabili) e sarà gestito da Strategia Italia, una controllata da Invitalia.

Continua Arcuri «nella nostra ricerca, presteremo particolarmente attenzione alle startup finanziate con il programma di incentivi Smart&Start, con le quali abbiamo più familiarità, ma il fondo sarà aperto ad ogni impresa innovativa. Non escludiamo ad esempio di stabilire sinergie con Fondo Italiano di Investimento (un fondo mobiliare chiuso riservato ad operatori quali l’ABI, il Ministero dell’Economia, Confindustria, la Cassa Depositi e Prestiti e alcuni istituti di credito dedicato ad investimenti private equity, su piccole e medie imprese, ndr) che potrebbe già avere un dossier di aziende interessanti». Questo non genererà alcuna frizione tra Invitalia e il Fondo perché, conclude Arcuri, «abbiamo modi di lavorare diversi: il Fondo investe tramite altri fondi, mentre noi entriamo direttamente nelle imprese che finanziamo»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
agevolazioni per le imprese sociali
Agevolazioni imprese sociali: cosa sono e come richiederle
unity
Un bonus per i professionisti under 45 che si aggregano e innovano
salvo-mizzi
Parte il fondo VC di Invitalia: di cosa si tratta
Startup-Funding
Startup: come trovare i giusti investitori e quando

1 Response

  1. Pingback : Parte il fondo VC di Invitalia: di cosa si tratta – Partitaiva.it

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.