Home > News > Tutte le novità 2018 sulle pensioni

Tutte le novità 2018 sulle pensioni

pensioni 2018

La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto significative novità nel campo delle pensioni, specialmente per le donne e per chi vuole accedere al pensionamento anticipato. Dopo due anni in cui le pensioni non hanno subito variazioni, con l’arrivo del 2018 si prevede finalmente un incremento dell’1,2%. 

In particolare, verranno ricalcolate le pensioni minime che passeranno da un importo mensile di 501,89 € a 507, 92, mentre per chi percepisce le pensioni sociali il reddito sarà di 373,92 € al mese.

Gli aumenti per le pensioni che superano il minimo subiranno un aumento compreso tra l’1,14% e lo 0,54%, a seconda che si superi tre, quattro, cinque o sei volte il reddito base. 

Le novità 2018 sulla pensioni anticipate

Nella Legge di Bilancio 2018 sono state introdotte novità riguardanti la pensione anticipata, un trattamento che è stato introdotto nel 2012 con la Legge Fornero e che negli anni ha subito notevoli modifiche e variazioni.

Potrà accedere alla pensione anticipata chi ha usufruito del sistema contributivo, ha compiuto 63 anni e 7 mesi di età e ha versato 20 anni di contributi. 

Non esistono più limiti di età per chi vuole accedere al trattamento della pensione anticipata, se sono stati versati 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini.

Per i lavoratori precoci, con la riforma 2018, si può andare in pensione anticipatamente (41 anni di contributi) se si sono versati 12 mesi di contributi prima del diciannovesimo anno di età e se si appartiene ad una delle categorie di lavoro definite usuranti o notturni.

Le modifiche ai criteri di accesso all’Ape Social

La Legge di Bilancio 2018 ha, inoltre, modificato i criteri di accesso all’Ape Social: un assegno mensile, esclusivamente a carico dello Stato, che può essere richiesto da chi ha compiuto i 63 anni di età e possiede una delle seguenti condizioni: 

– Iscrizione all’assicurazione generale obbligatoria (Ago) o alla gestione separata dell’Inps;

– 30 anni di contributi versati; 

– lavoratore disoccupato a seguito di licenziamento; 

– lavoratore con invalidità superiore al 74%;

– lavoratore che assiste, da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di primo grado portatore di handicap grave. 

L’Ape Rosa e L’ape Volontaria

Per le donne è prevista l’Ape Rosa: uno sconto di sei mesi di contributi per ogni figlio, fino ad un massimo cumulativo di 2 anni.

La Legge di Bilancio 2018 conferma l’Ape volontaria fino a Dicembre 2018: si tratta di un prestito anticipato di 12 mensilità che può essere richiesto da chi ha compiuto 63 anni di età e 20 anni di contributi.

La Rita

L’ultima novità 2018 riguarda la RITA (rendita integrativa temporanea anticipata). Ecco le nuove misure per richiederla: 

– disoccupazione da almeno 24 mesi; 

– perdita del lavoro prima dei 5 anni di richiesta della pensione di vecchiaia.

Comments

comments

You may also like
inps
Inps commercianti e artigiani 2016: scadenze e importi
inps
Gestione Separata INPS: Da RPT tre proposte per migliorarla

Leave a Reply