Home > Società > Turismo “lento”, nuovo bando del Demanio per gli imprenditori più giovani

Turismo “lento”, nuovo bando del Demanio per gli imprenditori più giovani

Dichiarazione IVA 2017

Si chiama Cammini e Percorsi il nuovo progetto a rete dell’Agenzia del Demanio, promosso da MIBACT e MIT che desidera contribuire alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. L’obiettivo del progetto, ricorda il sito internet del piano, è quello di riutilizzare i beni come contenitori di servizi e di esperienze autentiche, fortemente radicate sul territorio, per camminatori, pellegrini e ciclisti, in linea con la filosofia dello slow travel.

In particolare, prosegue ancora il piano del regolamento dell’iniziativa, l’operazione vuole agevolare i giovani imprenditori under 40, le cooperative e le associazioni che potranno partecipare al bando di gara, previsto per la prossima estate, per avviare le proprie attività all’interno di una rete di infrastrutture e servizi destinati a crescere e diventare un punto di riferimento per lo sviluppo di un turismo più consapevole, rispettoso del territorio e dell’ambiente.

Nel dettaglio, la concessione degli immobili individuati è da intendersi gratuita e per 9 anni, rinnovabile per altri 9 anni. Il bando di gara, per partecipare all’assegnazione, sarà invece pubblicato entro l’estate. L’immobile potrà essere assegnato anche agli imprenditori che non rientrano nel limite di età (40 anni), purché dimostrino di essere intenzionati a valorizzare l’immobile tramite il partenariato pubblico-privato e sfruttarne le potenzialità fino a 50 anni. L’incentivo non è circoscritto a quest’anno: sono infatti previste altre due tranche di concessioni per il 2018 e il 2019, per 100 immobili per ogni annualità.

Fino al 26 giugno è aperta la consultazione pubblica online per reperire, condividere e suggerire informazioni tra giovani imprenditori, cittadini, terzo settore, viaggiatori “lenti” e tutti quei soggetti interessati a contribuire alla valorizzazione del patrimonio pubblico.

Stando a quanto ricorda il sito internet del Demanio, questi sono gli immobili e i percorsi interessati dalla prima fase:

Ciclopista del Sole – 32 immobili
Il tracciato, lungo circa 3000 Km, attraversa da nord a sud 12 Regioni, interessando 414 Comuni, dal Brennero a Santa Teresa di Gallura.

Via Francigena – 18 immobili
La via percorsa dai pellegrini per raggiungere Roma dall’Europa del nord e imbarcarsi dalla Puglia verso la Terra Santa. Lungo quasi 4000 Km, il tracciato attraversa 10 Regioni e più di 240 Comuni.

Ciclovia VenTo – 15 immobili
Da Venezia a Torino in bicicletta sugli argini del Po, attraversando Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte e passando per 120 Comuni.

Ciclovia Acqua – 11 immobili
Circa 500 Km lungo il canale principale dell’Acquedotto Pugliese, su strade già percorribili attraverso Campania, Basilicata e Puglia. Interessa 68 Comuni.

Via Appia – 9 immobili
La storica via romana che conduce verso i porti pugliesi. Il tracciato è lungo quasi 600 Km e attraversa Lazio, Campania, Basilicata e Puglia, passando per 39 Comuni.

Cammino di Francesco – 3 immobili
Itinerario culturale e spirituale legato al Santo di Assisi: oltre 450 Km attraverso la Toscana, l’Umbria e il Lazio, alla scoperta di eremi e santuari, passando per 36 Comuni.

Cammino di San Benedetto – 1 immobile
Dall’Umbria alla Campania sulle tracce di San Benedetto da Norcia in 20 tappe, camminando per circa 400 Km.

Itinerari riconosciuti a livello locale – 14 immobili
Tracciati di tipo storico-religioso e ciclopedonale, come il Cammino Celeste, il Cammino Micaelico, il Regio Tratturo Magno, il Regio Tratturo Pescasseroli – Candela, la Via Lauretana, l’Alpe Adria e l’Adriatica.

Per poterne sapere di più vi consigliamo di consultare la seguente pagina di riferimento sul sito internet dell’Agenzia del Demanio.

Comments

comments

You may also like
Bando Regione Sardegna per le imprese turistiche
startup turismo
Novità per le startup che operano nel turismo
Startup-Funding
500mila euro per le startup dalla regione Piemonte

Leave a Reply