Home > Fisco > Partita Iva Intracomunitaria: iscrizione al VIES e controllo della validità del numero di partita iva

Partita Iva Intracomunitaria: iscrizione al VIES e controllo della validità del numero di partita iva

vies

I titolari di partita iva che intrattengono rapporti economici al di fuori dei confini italiani, con paesi appartenenti all’Unione Europea, sono tenuti a registrarsi come possessori di partita iva intracomunitaria tramite iscrizione gratuita all’archivio VIES (Vat Information Exchange System), ossia il sistema elettronico di scambio dati sull’iva.

Come funziona l’iscrizione e cosa comporta?

Innanzitutto, il VIES è un archivio che permette, a chi possiede partita iva intracomunitaria, di identificare la validità del numero iva dei propri clienti dei paesi dell’UE, e dunque di verificarne l’inclusione nel sistema stesso. Il VIES è consultabile liberamente dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle 20.00 e il sabato dalle 08.00 alle 13.00 al seguente link del sito dell’Agenzia delle Entrate: http://www1.agenziaentrate.it/servizi/vies/vies.htm.

Per iscriversi al VIES, i soggetti con partita iva devono compilare il modello AA7 (nel caso si tratti di soggetti che non siano persone fisiche) o AA9 (per lavoratori autonomi e imprese individuali), alla voce “Operazioni Intracomunitarie” del quadro I. Ciò può essere fatto per via telematica, utilizzando il sito dell’Agenzia delle Entrate, oppure tramite un intermediario: in entrambi i casi, la registrazione sarà gratuita. Chi non è ancora titolare di partita iva ma vuole esercitare attività d’impresa all’interno dell’Unione Europea, può dichiarare la volontà di registrarsi come partita iva intracomunitaria direttamente al momento dell’apertura della stessa, secondo uguali modalità.

L’iscrizione al VIES permette dunque la continua verifica della validità di ogni partita iva intracomunitaria. I titolari sono tenuti, infatti, a presentare regolarmente gli elenchi riepilogativi relativi alle operazioni economiche effettuate, che saranno soggetti a controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate. I soggetti che non li presentano per quattro trimestri consecutivi, o quelli che, nello stesso arco di tempo, non hanno avuto alcun rapporto economico con altri Stati membri dell’UE, saranno ritenuti non più interessati ad effettuare compravendite e scambi intracomunitari e, previa segnalazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, verranno esclusi dalla banca dati VIES nell’arco dell’anno seguente. La cancellazione dall’archivio può anche essere richiesta dai titolari stessi, nel caso in cui non siano più interessati ad attività di scambi economici intracomunitari.

Comments

comments

You may also like
verifica-partita-iva
Controllo partita iva online: come e perchè verificare la validità della Partita iva

Leave a Reply