Home > Fisco > Modello Unico 2016 precompilato: tutte le novità, istruzioni e scadenze

Modello Unico 2016 precompilato: tutte le novità, istruzioni e scadenze

modello_unico_2016

Il modello Unico 2016 è la dichiarazione dei redditi relativi all’anno 2015 che dev’essere presentata, dai contribuenti che non hanno i requisiti per presentare il 730 o che devono dichiarare ulteriori redditi non inclusi in questo modello, per richiedere la detrazione o la deduzione delle spese. Dal 2016 sono state introdotte alcune importanti modifiche rispetto all’Unico dell’anno scorso, che verranno illustrate qui di seguito.

La prima novità è che l’Unico 2016 per persone fisiche sarà precompilato: molti dati saranno già presenti sul modello, trasmessi dalla dichiarazione dei redditi dell’anno precedente, come ad esempio quelli sui famigliari a carico, sui redditi (lavoro dipendente, pensione e redditi dominicali, agrari o dei fabbricati), sui crediti d’imposta e su eventuali oneri e spese. Attenzione, però: l’Unico precompilato non include i redditi percepiti per lavoro autonomo, d’impresa, da partecipazione, da trust o all’estero, che dovranno essere aggiunti dai contribuenti stessi.

Il modello Unico 2016 dovrà poi essere inviato esclusivamente per via telematica (come già avviene, dall’anno scorso, per il 730) entro il 30 settembre 2016: la scadenza è uguale per tutte le tipologie di contribuenti (persone fisiche, società di capitali, società di persone ed enti non commerciali), ma potrebbe ancora essere soggetta a modifiche o proroghe. Per presentare il proprio Unico 2016 sarà dunque necessario accedere con le proprie credenziali Entratel o Fisconline direttamente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate (http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/portal/entrate/home, cliccando su Area Riservata), scaricare il proprio Unico, modificarlo con l’applicazione UnicOnline PF (anch’essa scaricabile direttamente dalla propria area online) ed infine importarlo, entro e non oltre la data stabilita.

Alcuni contribuenti sono esonerati dall’obbligo di invio del modello Unico 2016 precompilato per via telematica, e possono quindi decidere di presentarlo in forma cartacea tramite un ufficio postale: in questo caso, però, il periodo di accettazione è limitato dal 2 maggio al 30 giugno 2016. Nello specifico, i contribuenti esenti dall’obbligo di invio telematico dell’Unico precompilato sono:

  • coloro che non possono presentare il 730;
  • coloro che, pur potendo presentare il 730, devono inserire alcuni dati utilizzando i quadri RM, RT e RW del modello Unico;
  • coloro che presentano la dichiarazione per conto di altri contribuenti deceduti.

I contribuenti che presentano l’Unico 2016 per enti non commerciali sono esclusi dall’obbligo e possono quindi presentare la dichiarazione in formato cartaceo, ad eccezione di tutti gli intermediari abilitati, i curatori fallimentari, i commissari liquidatori e di coloro che devono presentare uno o più dei seguenti documenti:

  • la dichiarazione relativa all’Iva;
  • la dichiarazione dei sostituti d’imposta;
  • la dichiarazione Irap;
  • il modello per la comunicazione dei dati relativi all’applicazione degli studi di settore e dei parametri.

Le società di capitali potranno presentare il modello Unico 2016 solo ed esclusivamente per via telematica, sempre entro il 30 settembre 2016 (salvo, appunto, eventuali variazioni: si consiglia di monitorare il sito dell’Agenzia delle Entrate).

Per maggiori informazioni sul modello Unico 2016 precompilato, per risposte a dubbi, problemi, quesiti visita il sito dell’Agenzia dell’Entrate (http://www.agenziaentrate.gov.it) o per assistenza o consulenza contattaci via e-mail o tramite la chat presente sul nostro sito.

Comments

comments

You may also like
voluntary disclosure
Come registrarsi a Fisconline
unico
Modello UNICO 2016: le novità
agenzia-entrate
Volontary disclosure 2015, cosa è e come funziona

Leave a Reply