Home > Società > SRL > Liquidazione di una SRL: come fare?

Liquidazione di una SRL: come fare?

liquidazione di una srl

Liquidazione di una SRL

Considerata la società di capitali più flessibile ed emblematica dell’intero ordinamento giuridico italiano, la SRL, nella sua autonomia patrimoniale perfetta, dovrebbe tutelare più di altre forme societarie (soprattutto della società di persone) i soci anche nella fase di chiusura e cancellazione

Questa fase di cessazione viene chiamata dalla normativa ‘Liquidazione’ e prevede un iter abbastanza preciso. Così come per la sua costituzione e registrazione, a dettare la scaletta necessaria alla cessazione di una Società a Responsabilità Limitata è la legge stessa, sia nella normativa specifica (codice civile etc) che nel combinato disposto sull’intera normativa commerciale, fallimentare, societaria e civilistica nazionale.

Le fasi di liquidazione di una SRL

Vediamo come procedere per la liquidazione di una SRL. Obiettivo della liquidazione è quello di estinguere i debiti esistenti, convertire in denaro l’attivo esistente e ripartirlo tra i soci: per fare questo si seguono tre fasi ben precise dettate dal Codice Civile.

  • Prima fase (artt. 2484-2487bis Cod.Civ.) vengono accertate le cause dello scioglimento della società e la relativa pubblicità, affidando la gestione dell’impresa agli amministratori fino a quando non verranno nominati specifici liquidatori;
  • Seconda fase (artt. 2487-2494 Cod.Civ.) i liquidatori agiscono dalla data di pubblicazione della nomina fino all’esecuzione del Piano di Riparto vero e proprio (che segue il deposito del Bilancio finale di Liquidazione);
  • Terza fase (artt. 2495-2496 Cod.Civ.) la società viene cancellata dal registro delle Imprese e vengono depositati in tribunale i libri sociali e contabili.

3 motivi per la liquidazione di una SRL

La liquidazione di una SRL può avvenire, principalmente, per tre motivazioni:

  1. Base volontaria, su decisione dei soci che la compongono (per scioglimento volontario, conseguimento dell’oggetto sociale o impossibilità di conseguirlo, decorso del termine previsto nell’atto costitutivo, eventuali cause previste nell’atto costitutivo, fallimento, mancanza della pluralità dei soci protratta per oltre 3 mesi, sentenza che dichiara la nullità della società, riduzione del capitale sociale al di sotto del minimo legale, fatte salve le possibilità di trasformazione e ricapitalizzazione della società, recesso del socio);
  2. Disposta dall’autorità giudiziaria (liquidazione giudiziale):
  3. Essere il termine di una procedura concorsuale riservata a società quali banche, assicurazioni, cooperative etc. a seguito di violazioni amministrative, stato di insolvenza o violazioni del pubblico interesse.

Effetti e obblighi derivanti dalla liquidazione di una SRL

Gli effetti dello scioglimento di una SRL si hanno al momento dell’iscrizione nel registro delle imprese, della dichiarazione di accertamento della causa di scioglimento o della delibera di assemblea: in pratica gli amministratori devono accertare le cause di scioglimento “senza indugio”, tenendo presente che “in caso di ritardo od omissione sono personalmente e solidamente responsabili per i danni subiti dalla società, dai soci, dai creditori e dai terzi”.

Quindi vanno consegnati ai liquidatori, che abbiano accettato la carica, i libri sociali dell’azienda, una stampa della situazione patrimoniale alla data dello scioglimento, il Conto Economico sui risultati delle operazioni svolte dopo la chiusura dell’ultimo bilancio approvato e fino alla data della liquidazione.

Fino alla cessazione definitiva sono previsti specifici obblighi fiscali, contabilità, adempimenti IVA e tassazione sui redditi – ordinaria oppure se la società messa in liquidazione abbia operato per più di 5 anni e la liquidazione non si protragga per più di 3 esercizi.

Oltre a costi per amministratori e liquidatori, i diritti di segreteria sono 120€ su supporto informatico digitale e 90€ per la modalità telematica (ridotti al 50% per le cooperative sociali), oltre all’imposta di bollo per le società di capitali di 65€. Sono esentate dalle imposte di bollo le cooperative sociali ma non quelle edilizie. 

Normalmente la chiusura viene effettuata da un notaio in via telematica, ma dal 2014 è possibile seguire una procedura semplificata di liquidazione concordata con la Camera di Commercio locale, affidandosi a un intermediario, solitamente un commercialista.

Comments

comments

You may also like
Cessione Quote delle SRL con il Commercialista
La cessione quote della SRL eseguita con il commercialista
srl
Differenze tra SRL ed SRL semplificata
adempimenti startup
Adempimenti startup innovative: il mantenimento dei requisiti
srl
Costi srl: costituzione, gestione, imposte, commercialista

Leave a Reply